http://ilgioiellodeltombolo.it/wp-content/uploads/2017/04/titanic-P.jpeg

Piccole curiosità scintillanti

by Admin Leave a Comment

Il 10 aprile del 1912 un grande sogno prendeva il largo attraverso il profondo oceano.
Dal porto inglese di Southampton, a sud est del Regno Unito, iniziava l’avventura del magnifico Titanic, terza di 3 navi sorelle, Olympic e Britannic, costruite dalla White Star Line.

Tutti noi conosciamo il terribile destino che toccò a quella che era considerata la nave più lussuosa e grande fino ad allora costruita: non raggiunse mai la meta, New York.
La notte del 14 aprile alle 23.40 l’enorme transatlantico entrò in collisione con un iceberg, e da lì a meno di tre ore sprofondò nei gelidi abissi.

Il grande oceano si portò via il lavoro incessante di innumerevoli persone e il numero delle vittime fu notevole, 1523 per la precisione, su 2.223 passeggeri totali. Un pò troppo per quella che era stata presentata come la “Nave Inaffondabile”.

L’oceano, però, dopo circa 75 anni fu generoso nel restituire qualche piccolo tesoro.
Tra i diversi oggetti di valore riemersi, nel 1987 nella stiva della nave fu trovata anche una borsa di pelle contenente dei gioielli.

La White Star Line invitò i passeggeri del Titanic a depositare monete, titoli e gioielli del Titanic all’interno di una cassaforte e pare che la notte della tragedia il commissario di bordo raccolse un gran numero di questi oggetti dalla cassaforte e li ripose in apposite borse di pelle da caricare durante l’evacuazione nelle imbarcazioni di salvataggio.

Il gioiello sul quale è un piacere soffermarsi è un anello con diamante in stile gipsy, appartenuto a Wallace Hartley. Chi era costui? Beh, per quanto si dica che i film tendano a romanzare tutto, Hartley è il famoso violinista e leader dell’orchestra che ha continuato a suonare mentre il Titanic affondava.

L’oceano ci ha restituito il suo anello, ma è dolce pensare che sia ancora lì a suonare negli abissi dell’oceano.
D’altronde, quando si pone una conchiglia all’orecchio essa non è come se ci cantasse qualcosa? Probabilmente…ci sussurra di non dimenticare.

AdminPiccole curiosità scintillanti

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.