http://ilgioiellodeltombolo.it/wp-content/uploads/2017/01/le-chezette-scanno-foto-cesidio-silla.jpg

Le Chezette – Serenata tradizionale della befana a Scanno

by Admin Leave a Comment

Siam giunti all’Epifania, che, come si suol dire, tutte le feste porta via.

Ma prima di scivolare nell’amara consapevolezza che le festività sian terminate, sarebbe opportuno trattare di quanto accade in una delle notti più magiche dell’anno: per l’appunto, la notte del 5 gennaio.

Il termine Epifania trova la sua etimologia nel greco antico, precisamente  nel verbo ἐπιφαίνω, epifàino, che significa “mi rendo manifesto” e nel sostantivo femminile ἐπιφάνεια, epifàneia “manifestazione, apparizione, venuta, presenza divina”. Infatti il 6 gennaio secondo il Vangelo, Maria di Nazareth mostrò suo figlio Gesù, porgendolo all’adorazione dei Magi, accorsi seguendo la cometa. Secondo le credenze pagane, durante la notte del 5 gennaio, giunge la volante vecchina, la cara Befana, a riempire le calze dei bambini: dolcetti per i buoni e carbone per i birboni.

Riti pagani e folklori locali abbondano in una terra antica come l’Italia, difatti a Scanno ha luogo l’antica tradizione delle “Chezette”, dal dialetto “calzette”. Il nome può trarre in inganno, poiché con “Chezette” si indicano divertenti canti, anzi delle vere e proprie questue, che i giovani del bel borgo intonano sotto balconi o finestre delle proprie innamorate. Così, per i pittoreschi vicoli di Scanno numerosi gruppi di giovani vestiti con cappelli, cappe di panno nero e alamari d’argento, divengon abili cantori accompagnandosi da fisarmoniche, chitarre e contrabbassi. Ma qual è la ragione di questa “serenata”?

Non è la mano della fanciulla, come si potrebbe pensare, bensì, la richiesta di ricever abbondanti e succulenti cibarie dalle proprie innamorate. Quella delle “Chezette” rappresenta solo una delle tante tradizioni che uno dei più bei borghi d’Italia mantiene in vita. È palese l’invito a partecipare a questo vero e proprio spettacolo, che ha della teatralità, vantando come scenografia un luogo come Scanno. Un turista potrà perdersi nella suggestione del Medioevo e in quei usi, oramai andati persi, che però costituiscono il passato e arricchiscono il presente.

 

P.S.: ovviamente sarebbe il caso di consigliare ai cari giovanotti, che, assieme alla richiesta di buon cibo, non urterebbe le rispettive dame ricevere un bel regalo, magari un gioiello!

AdminLe Chezette – Serenata tradizionale della befana a Scanno

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.